Facebook |  Staff |  Contatti  |  Sostienici  |  Pubblicità su questo sito  |  Ultimo aggiornamento: Mer, 28/06/2017 - 21:28
sei qui: Home > Sport > Calcio > Accordo Aic-Lega

Calcio Italia

CALCIO LEGA PRO

Accordo Aic-Lega

Firmato l'accordo collettivo di validità triennale che decorre dalla stagione 2012/13

Accordo Aic-Lega

Dopo 17 anni è stato sottoscritto il nuovo Accordo collettivo fra Lega Pro e l'Associazione Italiana Calciatori, di validità triennale.L’Accordo si caratterizza anche per l’impegno condiviso dalle parti alla lotta ai fenomeni di alterazione dei risultati sportivi mediante pratiche illecite, in particolare per doping e per scommesse sportive, nonché per l’impegno a sostenere l’approvazione di norme legislative che introducano la figura giuridica dell’apprendistato sportivo. Questo per dare vantaggi sia per le società che per i calciatori per effetto dell’estensione all’impiego dei calciatori in formazione dei vantaggi economico-normativi previsti dalla disciplina giuridica statale.

"E' stato sottoscritto l'Accordo" - spiega Mario Macalli, Presidente della Lega Pro - "che tiene presente il difficile contesto economico-finanziario attuale. Abbiamo, inoltre, inserito l'impegno condiviso sulle azioni di lotta alle frodi sportive e l'approvazione di una norma per l'apprendistato sportivo".

C’è grande soddisfazione per l’intesa raggiunta – evidenzia Damiano Tommasi, Presidente Aic - abbiamo lavorato con grande collaborazione con la Lega Pro, raggiungendo in pochi mesi un Accordo di durata triennale che è assolutamente in linea sia con il difficile momento economico del Paese sia con la situazione delicata che sta attraversando il nostro calcio in tema di legalità”.

Il contratto prevede anche nuove procedure per la sottoscrizione di contratti sportivi, con obbligo di specificare – in caso di pluralità di contratti nella stessa stagione sportiva – se si tratti di contratti che integrano o meno gli accordi precedenti, con il fine di assicurare la certezza della datazione delle sottoscrizioni e l’entità degli impegni economici assunti.

È contemplata la possibilità per i contratti con corrispettivi superiori a €.120.000,00 di prevedere forme di retribuzione mista, con parte variabile sino ad un massimo del 50% rispetto alla parte fissa, legata a risultati sportivi. È fissata la modulazione dei minimi retributivi, in funzione dell’età dei calciatori, per favorire l’impiego dei giovani in ottica di formazione.

Tra i punti salienti c'è anche la stipula di polizze infortunistiche integrative a tutela della salute dei calciatori.

fonte: lega-pro.com

Mar, 05/06/2012 - 12:08
Stampa