Facebook |  Staff |  Contatti  |  Sostienici  |  Pubblicità su questo sito  |  Ultimo aggiornamento: Dom, 25/06/2017 - 10:05
sei qui: Home > Editoriale > La manipolazione delle notizie. I giornali e lo stigma di San Luca

Editoriale Italia

La manipolazione delle notizie. I giornali e lo stigma di San Luca

di Michele Finizio

La manipolazione delle notizie. I giornali e lo stigma di San Luca

A baciare la mano al boss Giorgi, arrestato senza manette, è stato un imbecille, uno, e non i cittadini di San Luca

Giuseppe Giorgi, boss della ‘ndrangheta, latitante da 23 anni, viene arrestato. All’uscita dal covo, circondato dai carabinieri, quattro imbecilli, probabilmente fiancheggiatori o affiliati, gli manifestano ammirazione. Uno di loro gli bacia la mano, sì, gli bacia la mano proprio davanti ai Carabinieri che lo tengono sottobraccio, senza manette. Dov’è la notizia?

L’arresto senza dubbio, il baciamano magari anche, e perché no quelle manette mancanti. Ma del fatto che il boss non è ammanettato, non ne parla nessuno. Anzi, su un giornale nazionale leggo che “Anche in manette il Giorgi dà prova del suo carisma e riesce a uscire dalla sua abitazione sotto gli sguardi di ammirazione dei suoi paesani.” Anche in manette? Ma quali manette! Vi invito a guardare il videoTorniamo al baciamano. Come hanno potuto le forze dell’ordine permettere questa ignobile scenata che potrebbe essere interpretata come un cedimento dello Stato? Il procuratore di Reggio Calabria si difende: "I carabinieri non l’avrebbero mai permesso ma si sono trovati a muoversi in un corridoio lungo e stretto dove era difficile anche muoversi affiancati". Rivedete il video, il procuratore si arrampica agli specchi. Ma la notizia, è un’altra e la forniscono gli stessi giornali, dal Corriere della Sera al Fatto Quotidiano: lo stigma del Sud malavitoso. In questo caso lo stigma riguarda i cittadini di San Luca, finiti tutti nello stesso fascio. Quattro imbecilli, di cui uno bacia la mano, nei titoli e negli articoli di questi giornali sono diventati “compaesani del boss”, come a dire tutti gli abitanti di San Luca. Si legge, addirittura a più riprese: “il baciamano dei cittadini di San Luca al boss”. Come se non bastasse qualcuno si lascia andare a spiegazioni antropologiche da bar dello Sport. Per cui a San Luca bla bla bla. Chiaro? È un modo, ignobile, per dare più appeal a una notizia, che, nei fatti è falsa. A baciare la mano al boss arrestato senza manette è stato un imbecille, uno, e non i cittadini di San Luca. Per favore! Provate a cercare, oggi, su Google “I cittadini di San Luca contro la ‘ndrangheta”, nelle prime quattro posizioni leggerete: “‘ndrangheta, baciamano dei cittadini di San Luca al boss”. Ecco fatto.

Dom, 04/06/2017 - 22:06
Stampa