Facebook |  Staff |  Contatti  |  Sostienici  |  Pubblicità su questo sito  |  Ultimo aggiornamento: Lun, 29/05/2017 - 17:26
sei qui: Home > Economia > Al via le verifiche sulle “case fantasma"

Economia Italia

FISCO E CASE

Al via le verifiche sulle “case fantasma"

Al via le verifiche sulle “case fantasma"

Con un comunicato stampa del 12 ottobre 2011, del Corpo forestale dello Stato d’intesa con l’Agenzia del territorio, viene annunciata la firma di un protocollo d’intesa in materia di regolarizzazione degli immobili mai dichiarati al catasto, nonché di quelli che hanno subito variazioni o perduto il requisito della ruralità ai fini fiscali. Una ricerca attenta e scrupolosa che scovi le cosiddette “case fantasma”.Accesso ai luoghi- Con questo accordo, viene stabilito che i Comandi provinciali del Corpo forestale dello Stato possono facilitare le operazioni di sopralluogo svolte dai tecnici dell’Agenzia del territorio. Allo scopo precipuo di attribuire la rendita presunta, il Corpo forestale può fornire il nulla osta all’accesso con i propri mezzi in aree vincolate, dove sono ubicati i fabbricati da accertare.Zone impervie- Nel caso invece di accesso da effettuate in zone montane particolarmente impervie, il Corpo forestale può mettere a disposizione dei tecnici dell’agenzia i propri mezzi e le proprie strutture per agevolarne il compito.Corpo forestale dello Stato- A sua volta, il Corpo forestale dello Stato, sulla base dell’accordo siglato a Roma, ha possibilità di accedere, tramite i sistemi messi a disposizione dall’Agenzia del territorio, alle banche dati utili agli specifici compiti istituzionali.Lotta all’evasione fiscale- Plaudono sia il Direttore del Corpo forestale dello Stato, l’ingegnere Cesare Patrone, che il Direttore dell’Agenzia del territorio, la dottoressa Gabriella Alemanno. “Questo intervento sarà d’importante ausilio ai tecnici dell’Agenzia impegnati in una delicata operazione di contrasto all’evasione fiscale in campo immobiliare, afferma il dottor Petrone, a cui fa eco la dottoressa Alemanno, per cui quello appena siglato rappresenta uno “degli strumenti più efficaci per migliorare la conoscenza della consistenza del patrimonio immobiliare privato, anche nell’ottica della prevenzione e del contrasto dell’evasione e dell’elusione fiscale in materia catastale”.


 

Ven, 14/10/2011 - 11:23
Stampa