Facebook |  Staff |  Contatti  |  Sostienici  |  Pubblicità su questo sito  |  Ultimo aggiornamento: Mer, 28/06/2017 - 21:28
sei qui: Home > Cultura > Arte e libri > Con "Passeggeri notturni" di Carofiglio prosegue LeggerMente

Arte e libri Italia

Con "Passeggeri notturni" di Carofiglio prosegue LeggerMente

di Redazione Basilicata24

Con "Passeggeri notturni" di Carofiglio prosegue LeggerMente

Dopo il rinnovato successo del primo appuntamento della seconda edizione di LeggerMente, domenica 19 febbraio 2017, il protagonista della lettura interpretata è il libro “Passeggeri Notturni” di Gianrico Carofiglio. La rassegna letteraria, pensata, organizzata e prodotta unitamente tra La Cantina delle Arti e Voltapagina, ripropone il “miracolo” dell’ascolto, della parola, delle emozioni e della condivisione. Il libro letto ed interpretato sarà come detto quello di Carofiglio. Una singolare raccolta costituita da trenta racconti di tre pagine ciascuno che rappresentano di volta in volta un genere diverso, in un susseguirsi di aneddoti, brevi saggi, racconti fulminei. Li popolano soprattutto figure femminili sfuggenti ed indimenticabili, mentre a vicende drammatiche, o amare, si alternano situazioni comiche, sempre in un gioco di specchi tra realtà e finzione. A tenere tutto insieme, come in un mosaico, è una scrittura tersa quanto l’aria notturna, capace di svelare le verità celate nei dettagli dell’esistenza con una magistrale economia di parole. “Un monaco incontrò un giorno un maestro zen e, volendo metterlo in imbarazzo, gli domandò: “Senza parole e senza silenzio, sai dirmi che cos’è la realtà?” Il maestro gli diede un pugno in faccia”. Il secondo appuntamento di LeggerMente 2017 è per domenica 19 febbraio, alle ore 18:00, presso la SALA94 de La Cantina delle Arti, in via Luigi Sturzo a Sala Consilina (SA). Una sala accogliente, tepore, luci soffuse, atmosfera magica, profumi che si spandono nell’aria, piacere dell’ascolto, il tutto accompagnato da una tazza di buon thè con biscottini, per coinvolgere tutti i sensi e far scaturire con semplicità, nei partecipanti, le emozioni suscitate dall’ascolto.

Gio, 16/02/2017 - 12:35
Stampa