Facebook |  Staff |  Contatti  |  Sostienici  |  Pubblicità su questo sito  |  Ultimo aggiornamento: Mer, 28/06/2017 - 21:28
sei qui: Home > Cronaca > Allarme stalking in Italia

Cronaca Italia

Allarme stalking
in Italia

La Basilicata quarta nella classifica delle regioni con più casi di molestie

di Redazione Basilicata24

Allarme stalking <br>in Italia

Un italiano su cinque è vittima di molestie insistenti: un dato allarmante che prende il nome di stalking e che colpisce donne e uomini, indipendentemente dall'età, dall'estrazione sociale e dall'appartenenza etnica. Ma il dato più preoccupante è il numero oscuro celato dietro ai dati ufficiali. La maggior parte delle vittime, infatti, non denuncia lo stalker, ovvero il persecutore, considerando quest'atto come qualcosa di simile al firmare la propria condanna a morte. L'Osservatorio nazionale sullo stalking (Ons) parla di un vero e proprio «allarme sociale», con un «crollo delle denunce e sfiducia nelle autorità, mentre aumentano gli omicidi». A livello nazionale, da una ricerca condotta su un campione di 9.600 persone dai 17 agli 80 anni, è emerso che il 70% delle vittime è donna. Il persecutore è nel 55% dei casi un partner o ex partner, nel 5% un famigliare, nel 15% un collega o compagno di studi, e nel 25% un vicino di casa. Uno stalker su tre è recidivo: dopo la denuncia continua a perseguitare la vittima. E, nel 70% dei casi, chi subisce molestie presenta esiti psico-relazionali gravi. Il più alto numero di molestie, stando almeno ai dati dell'Ons, si registra in Emilia Romagna (29%) e Toscana (28%). Seguono Calabria (24%), Basilicata, Campania e Friuli (22%), Lazio e Sicilia (21%), Veneto (20%). Lievemente più basse le percentuali registrate in Molise, Lombardia, Valle d'Aosta e Piemonte (19%), Liguria, Trentino, Sardegna (18%) e Marche (17%). Fanalino di coda la Puglia, con una percentuale del 13%.

Mer, 07/09/2011 - 23:26
Stampa